23/1/1943

I torinesi si recano in processione al santuario della Consolata per implorare la protezione alla città.

7/2/1943

Nuova incursione aerea su Torino. I bombardamenti provocano vittime anche a Rivoli, Alpignano e Collegno.

15/2/1943

Riprendono le lezioni nelle scuole elementari e medie; le vacanze erano iniziate il 20 dicembre 1942.

5/3/1943

Primi scioperi in alcune fabbriche torinesi.

8/3/1943

Gli scioperi operai si estendono in fasi successive e, nel corso di una settimana, a tutte le grandi fabbriche torinesi. Anche la provincia è coinvolta dagli scioperi: ad Avigliana vi sono fermate alla Allerman e al dinamitificio Nobel, a Cascine Vica scioperano le Concerie Riunite, a Collegno la Fatis, a Venaria scioperano gli operai della Magnoni e Tedeschi e della Snia Viscosa, a Moncalieri le Fonderie Limone entrano in lotta il giorno 15 marzo. A Villa Perosa scioperano i 5.000 operai della Riv e quelli della Talco e Grafite, a Pinerolo scioperi si svolgono alle Fonderie Pessard.

11/6/1943

Dino Borri viene nominato prefetto di Torino.

17/6/1943

Torino, il prefetto emana un ordinanza con la quale è fatto divieto di uccidere i gatti per utilizzarne le pelli, i grassi le carni. Il provvedimento è determinato da fatto che la rarefazione dei gatti ha prodotto un aumento del numero dei topi

21/6/1943

Rientrano reparti di carabinieri reduci dalla campagna di Russia.

23/6/1943

Antonio Bonino è il nuovo segretario federale del Pnf.

11/7/1943

Si svolge in piazza Carlo Alberto una manifestazione pubblica a sostegno del regime e della guerra, nella quale il prefetto e il federale incitano i cittadini a resistere. Sarà l’ultima adunata del fascismo.

13/7/1943

Torino è colpita dal più duro bombardamento di tutta la guerra: si contano 792 morti e 914 feriti.

15/7/1943

Si riunisce il comitato dei partiti antifascisti torinesi (Fronte nazionale).

26/7/1943

Si svolgono, a Torino e in varie località della provincia, manifestazioni per la caduta del regime e la fine della guerra; vengono liberati i detenuti politici dalle carceri Nuove.

29/7/1943

Viene represso un tentativo di sciopero alla Fiat.

8/8/1943

Bombardamento aereo su Torino (20 morti).

13/8/1943

Bombardamento aereo su Torino (18 morti).

17/8/1943

Bombardamento aereo su Torino (5 morti) Si svolge uno sciopero di protesta contro la continuazione della guerra.

18/8/1943

Torino, Bruno Villabruna viene nominato podestà.

21/8/1943

Viene ricostituita l’Unione dei sindacati torinesi.

8/9/1943

La radio annuncia la firma dell’armistizio tra Italia e anglo-americani.

10/9/1943

Mentre i tedeschi procedono all’occupazione di Torino, si svolge un comizio in piazza Castello, davanti alla sede storica della Camera del lavoro nel vano tentativo di organizzare la difesa della città. Il Comitato delle opposizioni antifascista si trasforma in Comitato di liberazione nazionale nella clandestinità.

12/9/1943

Torino, entra in vigore il coprifuoco a partire dalle ore 20.

13/9/1943

Torino, i tedeschi dispongono la chiusura di tutti i locali di pubblico spettacolo.

14/9/1943

Torino, un manifesto bilingue del Comando tedesco ordina agli operai di riprendere il lavoro.

21/9/1943

Torino, Matteo Bonino, già podestà dal 1939 al 18 agosto 1943, viene reintegrato nella carica. Amedeo Tollini viene nominato prefetto.

22/9/1943

Torino, viene revocato l’ordine di chiusura di tutti i locali pubblici . I tedeschi sono oggetto di ripetuti lanci di bombe nei pressi di Porta Nuova. Alessandro Brusasco, individuato come autore dell’azione, si uccide.

6/10/1943

Torino, nasce il Fascio repubblicano di combattimento. Giuseppe Solaro ne diventa il primo commissario

7/10/1943

Valdellatorre, 11 partigiani vengono uccisi dai tedeschi.

10/10/1943

Val di Lanzo, a Pian di Ceres una colonna di fascisti e di tedeschi a seguito di una soffiata attacca un gruppo di partigiani guidati dal sottotenente degli alpini Ettore Ruocco. I componenti della banda vengono catturati e quattro di loro vengono uccisi.

16/10/1943

Torino, riapre il teatro Carignano.

21/10/1943

Paolo Zerbino è nominato Capo della provincia.

23/10/1943

Torino, il Rigoletto di Verdi inaugura la stagione operistica.

24/10/1943

L’esponente fascista Domenico Giardina viene ucciso a Torino in via Carlo Alberto.

8/11/1943

Torino subisce la prima grande incursione diurna, compiuta da un centinaio di aerei: i morti sono 202 e i feriti 346. E’ il primo giorno di scuola per elementari e medie.

17/11/1943

Inizia uno sciopero nelle fabbriche torinesi: che continuerà fino al .... malgrado le concessioni economiche.

1/12/1943

Nuovo bombardamento aereo diurno su Torino (101 morti).

7/12/1943

Forno Canavese: Nei giorni dal 7 al 9 dicembre, 24 partigiani sono uccisi dai tedeschi.

15/12/1943

E' costituito a Torino il Tribunale speciale, incaricato di giudicare i “traditori al soldo del nemico”.

23/12/1943

Torino, il fascista Aldo Morej viene ucciso dai partigiani.